Le 5 regole principali per una giunzione a prova di bomba!

(L’importanza dei giunti di saldatura, nella saldatura con ultrasuoni)

Una delle caratteristiche più importanti nella saldatura con ultrasuoni è sicuramente la geometria delle superfici di assemblaggio. Onde evitare particolari problematiche di ritardi, scarti di produzione e saldature irregolari è fondamentale assicurarsi che  il pezzo da saldare, sia concepito e sviluppato per essere saldato a ultrasuoni. Si consiglia pertanto di progettare i pezzi in collaborazione con chi conosce a fondo la saldatura con questa tecnologia.

Per questo motivo, particolare attenzione dovrà essere posta alla regione di giunzione che, come definizione, è la zona di contatto tra i due particolari che saranno saldati.
All’interno di questa zona si trovano due elementi distinti ed ugualmente importanti: il convogliatore di energia o direttore di energia e l’area di accoppiamento.

Il direttore di energia è dove si stabilisce il punto di inizio della fusione. L’area in cui si concentrano le vibrazioni ultrasoniche; con conseguente riscaldamento e scioglimento del materiale.
L’area di accoppiamento è il complemento del direttore di energia. La zona in cui il materiale in fusione, viene convogliato, racchiuso e compresso.

Ecco di seguito alcune regole principali per ottenere corretti giunti di saldatura:

  • Prevedere in modo preciso il punto di inizio della saldatura o punto di innesco

           (esempio giunti di saldatura)

  • Assicurare la centratura dei pezzi da saldare.

          Le parti del pezzo da saldare devono essere centrate per favorire:

  • Il posizionamento durante la fase di carico dell’operatore
  • La posizione durante la fase di saldatura

(giunti ad incastro semplici)

  • Creare una superficie di contatto dedicata sonotrodo-pezzo

Il sonotrodo deve essere realizzato tenendo conto della geometria dei pezzi da assemblare. In particolare, la lavorazione della superficie di contatto sonotrodo-pezzo, deve essere realizzata in modo da copiare la geometria.

  • Prevedere un supporto rigido (dima di posizionamento pezzo) nella zona attigua alla regione di giunzione

Nel momento in cui si attivano gli ultrasuoni, il sonotrodo comincia a trasmettere la vibrazione al particolare con cui è a contatto. Poco sotto si trova anche il secondo particolare che deve essere saldato e, se non venisse ancorato rigidamente al posaggio (dima di posizionamento pezzo), anch’esso vibrerebbe e l’energia verrebbe dispersa a causa dello spostamento dei due particolari nella stessa direzione e nello stesso tempo, invece che essere canalizzata esclusivamente nella regione di giunzione.

  • Creare una zona di contenimento per il materiale in fase di fusione

Per evitare la fuoriuscita di bave dalla regione di giunzione

Errori da evitare:

Gli errori più comuni sono:

  • Errori di progettazione dei pezzi
  • Errori di progettazione e realizzazione attrezzature
  • Errori dovuti al cattivo uso della saldatrice o macchina non adatta
  • Errori dovuti ad agenti che ostacolano la saldatura
  • Errori di accoppiamento. Le parti, non devono essere incastrate e devono essere libere e la superficie di contatto deve essere sufficientemente larga.

 Per saperne di più sulla saldatura ad ultrasuoni, potrebbe interessarti anche “Saldatura a ultrasuoni: i protagonisti, ovvero gli elementi coinvoltie per maggiori informazioni puoi contattare Sirius Electric Srl (www.siriuselectric.it) , azienda italiana leader nella produzione e commercializzazione di saldatrici per materie plastiche e nella progettazione e realizzazione di sonotrodi.

Buon lavoro.

Dove siamo

Stampa

Apri la mappa su Google Maps

Contatti

Sirius Electric S.r.l.
Via Mastronardi 6/b
27029 Vigevano (PV) Italy
Tel. +39 0381 32.56.10 - 31.25.22
Fax +39 0381 23.987
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
PEC Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Informativa Clienti e Fornitori

 

Messaggio rapido

Powered by BreezingForms

Questo sito fa uso di cookies tecnici e statistici, anche di terze parti. Proseguendo nella navigazione, acconsentite alla loro installazione.